fbpx
Tik Tok e VINO: Come utilizzare Tik Tok per fare marketing del vino

Tik Tok e VINO: Come utilizzare Tik Tok per fare marketing del vino

Tempo di lettura 4 minuti

Come una sentenza inesorabile, prima o poi ti arriva la domanda:

‘Ma tu lo usi Tik Tok?’

E per far credere che sei una persona competente, rispondi

‘Ma no, è un social per i ragazzini. Cosa vuoi che mi metta a fare balletti alla mia età?’

….Et voilà!

Abbiamo assistito alla prossima occasione di business mancata, dominata dalla paura e dalla poca lungimiranza imprenditoriale. 🙂

Perché, non approfittare ORA di utilizzare anche Tik Tok come piattaforma per comunicare il vino online, è come perdere quel famoso treno che passa…

Quindi amici miei, sedetevi comodi che oggi si viaggia in prima classe alla scoperta di come utilizzare Tik Tok per fare marketing del vino online!

 

Innanzitutto, cos’è Tik Tok, come si usa e a chi si rivolge.

E’ una piattaforma social dove si utilizzano contenuti video più o meno brevi (fino a 60 secondi) con la possibilità di giocare con montaggio, audio/musica ed altri giochetti come effetti video e testi.

Nato principalmente come spazio dove cantare e ballare a ritmo di musica, si è poi evoluto inglobando sempre più contenuti che parlano a specifiche nicchie, di ogni tipo.

Sebbene il target principale sia stato la generazione Z, dagli anni 2000 in poi, si sta sempre più alzando l’età  dell’utenza e sempre più influencer e VIP si stanno affacciando anche lì.

 

Tik Tok e Vino: quali contenuti pubblicare?

La cosa più importante non è cosa pubblicare, ma essere in grado di costruire un contenuto che riisponda a determinate caratteristiche.

Un contenuto efficace, in questo caso un video, deve saper coinvolgere a differenti livelli i nostri cervelli (ne ho parlato in ‘NEUROMARKETING E VINO: fai questo per migliorare la tua comunicazione del vino‘) e possedere almeno una o più di queste caratteristiche:

  • divertire
  • stupire/emozionare
  • educare

 

Divertire

Non sto dicendo che devi fare il comico (magari riuscissi a combinare mondo del vino e comincità!) ma di intrattenimento.

Riuscire a realizzare contenuti video simpatici, piacevoli, divertenti, per il piacere reale di essere visti, inseriti nel contesto ‘vino’ sarebbe una figata ovviamente, anche perchè riusciresti a parlare ad un pubblico molto vasto.

Ma non è certo facile ed alla portata di tutti: quindi pensa bene a quello che sei in grado di realizzare (studiando a tavolino un format convincente) ed evita di fare il simpatico per forza; il rischio di fare la figura del pirla è dietro l’angolo.

 

Stupire / Emozionare

E’ già un pochettino più “facile”, rapportato al mondo del vino.

Pensa a tutta la bellezza della natura da filmare e mostrare:

  • le operazioni più interessanti che si svolgono in vigneto ed in cantina,
  • filmare i dietro le quinte della vita di un vignaiolo.
  • raccontare i segreti e le storie di famiglia

Sono scene che un utente normale non vede e tu gli dai la possibilità di viverle attraverso i tuoi video.

 

Educare

Altrettanto ‘facile’ e potente.

Spiega come funzionano determinate cose in vigna ed in cantina, mostra a cosa serve fare questo per ottenere quest’altro.

Il tutto senza pontificare ovviamente, mantenendo un taglio comunicativo coinvolgente, possibilmente originale e vero.

Riuscirai a creare un gruppo di appassionati follower che seguiranno le tue ‘serie video’ per mantenersi aggiornati sui vari argomenti!

 

Ed ora arriviamo alla parte più importante:

perché aprire un tuo canale Tik Tok sul Vino?

 

Tik Tok e Vino quali opportunità ci offre per fare business

 

1. Intercettare nuove utenze portandole su altre piattaforme.

Obiettivo: intercettare chi non ci conosce ancora

Vantaggio: Al momento su Tik Tok è ancora possibile guadagnare visibilità abbastanza facilmente.

Questo è una possibilità moooolto interessante.

Prima di tutto puntualizziamo che ogni piattaforma soddisfa esigenze diverse e quindi i followes usufruiscono del contenuto in modo differente.

C’è chi preferisce i video lunghi di YouTube, le foto di Instagram e Pinterest, chi legge un blog, etc.

In parole semplici: chi guarda video su YouTube non è detto che segua con lo stesso interesse Instagram o Facebook o Tik Tok e viceversa.

Ma il vantaggio della piattaforma Tik Tok qual’è?

Nel fatto che ad oggi (finchè dura) Tik Tok ti da ancora una buona possibilità di crescita in termini di popolarità che altri social ormai non ti danno più (a meno che non paghi e sponsorizzi i tuoi contenuti).

Quindi esserci non è detto che ti renda super popolare, ma ti permette di costruire una nuova rete di appassionati del vino che poi ti seguiranno anche su altre piattaforme.

 

2. ‘Investire’ nelle nuove generazioni.

Obiettivo: parlare lo stesso linguaggio dei futuri consumatori

Vantaggio: fidelizzare nuove generazioni

Mai dimenticarlo: i giovani di oggi sono i prossimi clienti.

Gente cresciuta con il telefonino in mano e che grazie a quello:

  • cerca informazioni
  • si fa un opinione
  • compra (o decide di comprare proprio quello..!)

 

3. Brand Reputation

Obiettivo: consolidare la nostra reputazione sui social

Vantaggio: ci danno la possibilità di parlare di noi a gratis: ti sembra poco?

Ultimo ma non per importanza, la nostra Brand Reputation va costantemente aggiornata.

Impariamo a sfruttare questa opportunità gratuita ovunque, sempre con coerenza nella nostra comunicazione, mi raccomando…!

 

Bene…Per oggi è tutto my friend!

Vuoi rimanere aggiornata/o sui miei contenuti?

Clicca e ISCRIVITI AL MIO CANALE SU TELEGRAM!

leggi anche:

5 ‘TRUCCHI’ per VENDERE VINO con NEWSLETTER | Marketing del Vino

Marketing del Vino online | Che contenuti meglio pubblicare: LUNGHI o CORTI?

7 consigli da seguire PRIMA di VENDERE Vino Online

Come diventare un bravo sommelier (oggi): il Personal Brand

Come diventare un bravo sommelier (oggi): il Personal Brand

Tempo di lettura 4 minuti

Il bravo sommelier, per me, è prima di tutto un COMUNICATORE.

Saper decifrare i desideri dei clienti e soddisfarne le aspettative sono, a mio avviso, gli aspetti fondamentali di un bravo sommelier, molto di più del conoscere migliaia di D.o.c e vitigni sconosciuti.

Una dote che diventa necessaria oggi, dove la comunicazione efficace (soprattutto online) è alla base del successo professionale.

Ma  cosa fa la differenza tra una comunicazione vincente ed una debole? (altro…)

5 ‘TRUCCHI’ per VENDERE VINO con NEWSLETTER | Marketing del Vino

5 ‘TRUCCHI’ per VENDERE VINO con NEWSLETTER | Marketing del Vino

Tempo di lettura 3 minuti

Io sono il primo malato.

Ossessionato proprio (ma penso spero in modo positivo) 🙂

Nel senso che sono un fanatico delle mail e delle newsletter: adoro riceverle!

Perché? Perché mi piace studiarne:

  • la forma,
  • l’efficacia,
  • l’estetica.

Ed imparare da quelli più bravi di me nel realizzarle.

Soprattutto perché OGGI la newsletter (l’email marketing) è ancora considerato lo strumento più efficace per fare web marketing (l’80% delle persone afferma di ricevere mail quotidianamente!).

Ma soprattutto perché hanno un tasso di conversione in termini di risultati (quindi di vendite) molto più alto rispetto ad altre strategie di comunicazione del vino.

Ma ovviamente è fondamentale farlo al meglio, non basta creare una newsletter per vendere vino online.

Ecco perché ho preparato 5 consigli da applicare nella tua strategia di email marketing del vino:

iniziamo subito! (altro…)

Marketing del Vino online | Che contenuti meglio pubblicare: LUNGHI o CORTI?

Marketing del Vino online | Che contenuti meglio pubblicare: LUNGHI o CORTI?

Tempo di lettura 6 minuti

Ti piace lungo o corto?

(non fate i maliziosi..! 😀 )

A me piacciono entrambe le dimensioni dei contenuti che distribuisco all’interno della mia comunicazione del vino online , e con questo post ci tengo a farti capire chiaramente perché dovresti usare sia una che l’altra.

Vedrai che ti daranno belle soddisfazioni quando deciderai di utilizzarle correttamente.

Ma soprattutto perché sono pensate per coinvolgere utenti in modo differente, ed efficacemente a seconda degli obiettivi che ci prefissiamo nella nostra campagna di marketing del vino.

Ma che differenze ci sono tra le due?

Vediamole subito insieme!

(altro…)

7 consigli da seguire PRIMA di VENDERE Vino Online

7 consigli da seguire PRIMA di VENDERE Vino Online

Tempo di lettura 4 minuti

‘Grazie’ Coronavirus.

Non certo per le ingiuste e terribili morti (sigh) sia chiaro

Ma per l’unica cosa positiva che hai stimolato.

Farci aprire gli occhi su nuove opportunità di business online.

  • Gli E-commerce spuntano come funghi
  • Tutti si sono messi a fare video live e a condividere contenuti
  • Gli ultimi hanno capito che vendere vino online è un’interessante opportunità

Quindi tutti si sono buttati a pesce su questo nuovo trend, aspettandosi successi immediati.

Ma purtroppo non funziona così sul web.

Perché tutte queste azioni buttate a caso in internet non portano grandi risultati.

Sono come un sasso lanciato nello stagno, forse qualcuno se ne accorge, ma l’onda sparisce entro poco, senza lasciare tracce utili della nostra comunicazione.

Mentre è tutto ciò che faremo PRIMA di affacciarci sul web che ti aiuteranno ad aumentare la qualità (e quindi il successo) della tua comunicazione del vino online.

(altro…)

NEUROMARKETING E VINO: fai questo per migliorare la tua comunicazione del vino

NEUROMARKETING E VINO: fai questo per migliorare la tua comunicazione del vino

Tempo di lettura 3 minuti

Diciamo che sei bravo e che ti impegni a pubblicare contenuti belli ed interessanti sul tuo vino online.

Ma i feedback sono poco incoraggianti, noti che la visibilità e l’interesse sono scarsetti, nonostante i tuoi sforzi.

C’è da dire che la reach sui vari social è in costante diminuzione e piattaforme come Facebook ed Instagram ormai non ti premiano più se non sponsorizzi.

Questo perché gli stessi social, dopo aver lavorato per far crescere il numero degli utenti sulla piattaforma promuovendo con più facilità le interazione dei nostri post, una volta raggiunto la massa imponente di iscritti, hanno iniziato a limitare le interazioni degli utenti, spingendo alle sponsorizzazioni per tirare su soldi.

Unico social dove c’è ancora un ampia possibilità di crescita è TIK TOK, quindi dacci un occhio quanto prima. 😉

Ma oggi voglio parlarti di come migliorare la tua comunicazione del vino e incrementare la visibilità online sfruttando leve psicologiche scientificamente provate che prendono spunto dalle Neuroscienze ed in particolare dal Neuromarketing.

Non preoccuparti, come te non sono uno psicologo o un dottore, ma un appassionato di marketing del vino e ho voglia di condividere con te degli spunti di riflessione che sono convinto tu sia in grado di applicare.

 

(altro…)