fbpx
Tempo di lettura 3 minuti

Anche tu ti sarai fatto queste domande una volta nella vita:

‘Che differenza c’è tra un vino che costa tanto ed uno che costa poco?’

Perchè costa così (tanto o poco) questa bottiglia di vino?

Il prezzo del vino è la prima cosa che tutti guardiamo solitamente, è legittimo.

Ma subito dopo si insinua come un serpente quel dubbio nella nostra mente:

‘Varrà quello che costa?’

Oggi cerchiamo di capire meglio l’argomento ‘Prezzo Vino’:

Seguitemi!

 

PREZZO VINO | Cosa valutare

Innanzi tutto chiariamo una cosa:

che valore dai ai soldi (…collegati alle tue passioni)?

Nel senso, per molte persone 100 euro per un paio di scarpe sono pochi, per altri sono una montagna di soldi.

Quindi la prima considerazione da fare per evitare ogni tipo di polemica è capire che non è saggio lamentarsi di un valore troppo alto se per noi quel determinato prodotto/servizio non è importante/non ci interessa particolarmente.

Ad esempio, per un consumatore medio, 10 € per una bottiglia di vino al supermercato possono essere tanti soldi, mentre per un sommelier o appassionato degustatore sono decisamente pochi.

Fatta questa premessa, cerchiamo di capire cosa si nasconde dietro ad un ‘prezzo vino’.

 

I costi vivi classici per singola bottiglia (Bottiglia di Vetro, Tappo ed Etichetta) si aggirano intorno ai 3-4 euro.

Come puoi vedere, un costo  per le aziende è relativamente basso ed uguale per tutti.

(so già cosa ti stai chiedendo):

“Ma se costa così la bottiglia, come fanno certi vini a costare 2-3 euro? Cosa c’è dentro?!”

 

Il reale VALORE del Prezzo del Vino

Al di là dei costi degli investimenti fatti (acquisto/affitto vigneti, strumenti, etc) che andranno ripartiti negli anni, abbiamo 3 macro aree variabili che si fanno determinanti sul costo del vino:

  1. Filosofia
  2. Pratica
  3. Posizionamento

 

1. Quale ‘filosofia produttiva’ viene adottata dal produttore di vino

Che tipo di produzione decido di fare con il mio vigneto?

Una produzione che punta alla quantità (tot kg di uva per ettaro) o voglio avere una resa per ettaro più bassa?

Voglio avviare una produzione di vini biologici / biodinamici, con tutti i pro ed i contro (ad esempio il rischio di una annata difficile che necessiterebbe di trattamenti per salvaguardare la vigna con il rischio che il grappolo venga attaccato da muffe, etc) oppure preferisco fare agricoltura tradizionale?

Decido di piantare vigneti di un vitigno classico o punto a qualche vitigno autoctono e meno conosciuto?

Sono scelte molto importanti perchè determineranno la qualità e la quantità di lavoro richiesto.

 

2. La ‘Pratica’

Quante ore di lavoro sono necessarie per singolo vigneto?

Quanto personale serve per seguirlo?

E’ chiaro che a seconda del primo punto, se decidiamo di svolgere un’agricoltura di quantità (che attenzione, non vuol dire che non sia di qualità) è possibile che molte pratiche siano meccanizzate anzichè manuali.

Ma pensa a vigneti magari posti in luoghi tanto affascinanti quanto difficili da coltivare, come ad esempio i vini da viticoltura eroica su pendii scoscesi: il lavoro sarà molto più lento rispetto ad un vigneto in pianura ‘comodo’ e più veloce da percorrere.

Il costo del lavoro quindi si fa sentire in modo importante.

 

3, Posizionamento / Unicità

Possiamo semplificarlo con il classico ‘domanda/offerta‘.

Quanti conoscono il mio vino? E quanti lo vogliono?

Tutti vorrebbero produrre un vino icona, un vino che tutti conoscono, ma non esiste una formula segreta se non quella del duro lavoro e della ricerca della qualità produttiva assoluta.

 

Quindi…

La somma di queste tre grandi macroaree permetterà di determinare il prezzo del vino, senza dimenticare che la qualità finale è pesantemente influenzata dalle annate.

Per concludere: perchè il prezzo vino è un fattore importante

Tutto questo ragionamento alla fine a cosa ci serve?

(o almeno è quello che spero di stimolare in te)

A comprendere che il prezzo vino per bottiglia deve essere la porta d’ingresso alla curiosità dell’appassionato.

Una curiosità stimolata dal voler approfondire cosa si nasconde dietro ad un freddo prezzo di un’ etichetta.

Lo stimolo per il consumatore a voler conoscere, per poter apprezzare ancora di più ciò che si sta bevendo.

Quella che io chiamo ‘cultura del vino‘.

 

leggi anche:

Come conservare il vino in casa (GUIDA)

TUTTO sul GEWURTZTRAMINER: le DEGUSTAZIONI VINO Online di VinoTube