Famiglie del Vino Trentino: Luigi Togn

La storia del vino è da sempre legata all’uomo, alla società (intesa come comunità di persone) e per alcune di esse alle lunghe tradizioni familiari.

Così è per la Famiglia Togn, che racconta 70 anni di storia viticola Trentina iniziata con Germano Togn negli anni ’40, trova nel figlio Luigi Togn un lungimirante uomo in grado di costruire una realtà davvero importante come Gaierhof nel 1976, un’azienda in grado di ritagliarsi un solido mercato negli USA.

Nel 1978 acquisisce Maso Poli, nella splendida cornice delle colline di Pressano, traghettandoci così fino ai giorni nostri con l’arrivo in azienda delle tre figlie Romina, Valentina e Martina, che proprio in quest’anno si vedono protagoniste di importanti cariche anche al di fuori dell’attività produttiva.

E’ proprio il comunicato stampa di questi giorni a segnalare questi prestigiosi traguardi raggiunti, segno che la Famiglia Togn, con passione ed impegno, oltre che amore assoluto per il proprio territorio ed il vino trentino, si rende ambasciatrice del vino di qualità Trentino al di fuori dei confini regionali.

Qui il comunicato stampa:

 

“La primogenita  Romina, ad inizio anno è stata la prima ad essere prescelta per la carica di delegata per il Trentino e Alto Adige della Associazione Donne del Vino per il triennio 2016-2019,  votata all’unanimità dalle altre socie del territorio. L’associazione è stata fondata nel 1988 e raggruppa in Italia oltre 600 donne attivamente coinvolte nel settore della viticoltura e promozione del vino italiano (produttrici, enologhe, comunicatrici, ristoratrici e sommelier). L’Associazione che in Regione coinvolge professioniste di entrambe le Provincie, dopo un periodo di stasi, ha goduto di un’iniezione di energia progettuale grazie ad Elena Walch, ex delegata regionale alla quale Romina Togn subentra. A livello territoriale l’associazione vanta oggi 25 associate tra produttrici, ristoratrici e comunicatrici del vino.

Una decina di giorni fa è stato il turno di Goffredo Pasolli, enologo ed artefice dei vini Gaierhof e Maso Poli e marito di Valentina, di essere votato dai colleghi alla carica di presidente provinciale dell’Assoenologi, in carica per il triennio 2016-2019. L’associazione è stata fondata nel 1891 e conta oggi circa 3.000 soci a livello nazionale, divisa in sezioni regionali o provinciali, come nel caso del Trentino-Alto Adige; ha come scopo la tutela e la promozione della categoria e del mondo vitivinicolo nazionale.  In provincia di Trento i soci sono circa 200, ovvero quasi tutti gli enologi ed enotecnici operanti nelle varie realtà vinicole trentine.  Goffredo Pasolli è da oltre dieci anni membro attivo del direttivo di sezione e succede nella carica che è stata precedentemente coperta da Fabio Toscana, enologo del Gruppo Cantine Mezzacorona.  In Trentino l’associazione opera specificatamente cercando di proporre momenti di formazione e viaggi di studio, tenendo quanto più possibile viva la rete di collegamento tra i vari tecnici impegnati nella ricerca sia nelle aziende agricole come anche nel mondo cooperativo.

 

E’ Valentina Togn infine l’ultima ad essere stata eletta pochi giorni or sono alla Presidenza territoriale del Movimento Turismo del Vino, che in regione ha 25 aziende iscritte. Valentina, secondogenita di Luigi Togn e moglie di Goffredo Pasolli, manterrà la carica per il triennio 2016-2019.

Scopo statutario del MTV è la promozione della cultura del vino e degli aspetti ad esso correlati, la creazione di nuove sinergie territoriali sia a livello nazionale che provinciale. Nato nel 1993, il movimento è di fatto un’associazione no profit che annovera oggi trai suoi soci circa 1000 fra le più prestigiose cantine d’Italia. Gli eventi nazionali più conosciuti sono Cantine Aperte che si svolge sempre l’ultima domenica di maggio e che ha raggiunto la 24^ edizione, Calici di Stelle (nel mese di agosto) Cantine Aperte in Vendemmia (nel mese di settembre) ,Cantine Aperte a San Martino (13 novembre) e per finire con Cantine Aperte a Natale (11 dicembre 2016).”

Ringraziamo Vinoè Aurora Endrici per la comunicazione.