Decanter e Decantazione Vino

Uno degli strumenti più scenografici a disposizione dei sommelier è senza dubbio il Decanter, una caraffa di vetro trasparente nella quale viene versato, qualora lo si ritenesse necessario, il vino da decantare.

Ma a cosa serve realmente e a quando deve essere utilizzata? Ecco qualche utile chiarimento!

A cosa serve il decanter?

Tralasciando l’effetto ‘WOW‘ che saprete provocare nei vostri ospiti a casa quando tirerete fuori il vostro bel decanter, anche se fosse solo per travasare il vino del nonno, il decanter ha motivo di esistere e di essere utilizzato tutt’oggi per poter servire il vino al meglio delle sue possibilità.

Questo strumento viene utilizzato per determinate tipologie di vino e per risolvere qualche tipo di problema che si potrebbe verificare nel momento in cui andiamo a stappare la nostra bottiglia di vino.

 

Quando usare il decanter?

Questa caraffa di vetro si utilizza principalmente per due motivi:

  1. Separare i fondi del vino

  2. Far ossigenare il vino

 

1) Separare i fondi del vino è un’operazione consigliata, ma non obbligatoria, per evitare di ritrovarsi il calice pienodi sostanze precipitate dopo qualche anno di affinamento in bottiglia.

Avviene per cause del tutto naturali e non è detto che debba per forza verificarsi, ne che il vino abbia difetti o peggiori.

Semplicemente le sostanze coloranti del vino quali tannini e antociani, a causa di fenomeni chimico-fisici del tutto naturali, dopo diversi anni possono polimerizzarsi e diventare insolubili e, per causa di peso specifico diverso, precipitano sul fondo o si attaccano alle pareti delle bottiglie.

Al gusto non pregiudicano l’assaggio, anche se il rischio di ritrovarsi gli ultimi bicchieri pieni di sostanze può dare fastidio al palato e inorridire alcuni ospiti.

 

2) Far ossigenare il vino è una seconda opzione che può essere fatta su suggerimento del sommelier se ritiene che il vino sia ‘chiuso’ al naso, o magari presenti qualche piccola puzzetta di solforosa che deve essere semplicemente liberata più velocemente.

In passato molti erano convinti che ogni vino andava ossigenato perchè così si amplificava il profumo del vino.

Ovviamente non è applicabile per ogni tipo di vino: se abbiamo vini bianchi o vini rossi giovani, difficilmente saranno chiusi all’olfatto (intendiamo vini di 2-3 anni di bottiglia).

 

Decantazione vino consigli

Innanzi tutto è uno strumento di servizio del vino che tutti possono utilizzare, non c’è niente di complicato!

Prima di versare come dei forsennati il vino nella caraffa e svuotarlo velocemente perchè non vedete l’ora di berlo, vale la pena seguire questi consigli per eseguire una corretta decantazione del vino.

Non agitate la bottiglia

Già nel momento stesso in cui andiamo a prendere il vino in cantina, se sappiamo che ha potenzialmente dei fondi, cerchiamo di non agitarlo eccessivamente e di posizionarlo subito verticalmente nel trasporto, al fine di far precipitare i potenziali depositi sul fondo della bottiglia.

Munitevi di una candela (se c’è poca luce)

Molte bottiglie d’annata che presentano un pò di fondo, possono avere le pareti della bottiglia o il collo della stessa ‘sporcate’ dai sedimenti.

Risulta quindi difficile vedere attraverso i depositi che si avvicinano al collo della bottiglia mentre lo versiamo.

Ecco che una fonte di luce posizionata dietro alla bottiglia ci permetterà di ispezionare correttamente l’andamento della mescita, senza rischiare di far scappare i sedimenti nel decanter.

Avvinate

Prima di versare completamente il vino, avvinate il decanter con un goccio dello stesso vino che andrete a versare.

In pratica, versate poco vino nella caraffa, quel tanto che basta per riuscire a far ‘bagnare’ tutte le pareti interne del decanter, al fine di ‘profumarlo’ del vino che andrete a decantare, eliminando così ogni possibile odore non desiderato nel vino (odore di torcione bagnato, di chiuso o di brillantante).

Una volta terminato, eliminate il goccio di vino.

Versate molto lentamente senza scatti

Per i più esperti è più facile versare il vino in un unica mescita ma se si rende necessario eseguire degli stop per far defluire il fondo, è bene manovrare la bottiglia in modo lento e fluido, senza scatti o stop improvissi che darebbero una bella ‘shakerata’ al vino ed ai fondi.

 

Quale decanter comprare? Ecco qualche suggerimento

Ho selezionato due tipi di decanter che potete trovare su Amazon.

Il primo è piuttosto stiloso, fa correttamente il suo lavoro ed è un oggetto anche di design, quindi può fungere anche da idea regalo per tutti gli appassionati di vino.

 

WOQO Vino Decanter, 1.2L

Il secondo decanter è vicino alla forma classica, ma più leggero perchè in cristallo e facile da maneggiare e da pulire.

Decanter in Cristallo

 

leggi anche

TEMPERATURA Vino: quale giusta per servirlo?

Come degustare il vino | Corso Sommelier Online